Gratia Plena al Museo di Palazzo Pretorio

Compagnia rAn-network in collaborazione con The Loom Movement Factory

Gratia Plena

Progetto site specific

  • Coreografia: Sara Nesti
  • Danza: Marilena Manfredi, Sara Nesti
  • Musiche originali di Edwin Lucchesi
  • Produzione The Loom Movement Factory

Il site specific prende in esame tre Annunciazioni della collezione del Museo di Palazzo Pretorio.
Tre partiture coreografiche si rifanno, come partenza, al tableau vivant, dove i danzatori si pongono nell’esatta posizione dei personaggi dell’opera, in maniera perfettamente descrittiva.
Il pubblico verrà condotto in un percorso attraverso il museo, e portato a guardare le opere nella loro contingenza e umanità, attraverso il movimento e il suono.

Il movimento e la coreografia qui non si pongono come una sovrapposizione all’immagine del quadro ma, nascendo da esso, tendono poi a staccarsi per suggerire a chi guarda una riflessione sulla scena stessa della Visitazione. Presenza, assenza, allusione e illusione.
In collaborazione con Proposte Creative.

Ingresso 4 Euro, gratuito bambini 0-6 anni

rAn-network e The Loom a Palazzo Pretorio

Compagnia rAn-network in collaborazione con The Loom Movement Factory è lieta di invitarti al Workshop Guardo, immagino, mi muovo, che si terrà al Museo di Palazzo Pretorio domani 19 Novembre alle 16.00.
Ti aspettiamo!

BodySongs VII – 26 e 27 Febbraio 2016 – Officina Giovani

PROGRAMMA

Venerdì 26 Febbraio ore 21.30

Sabato 27 Febbraio ore 21.30

Giovedì 25 Febbraio ore 20.00-22-30 e Venerdì 26 Febbraio ore 19.00-21.30

Segue

BodySongs VI – 12 e 13 Dicembre 2014 – Officina Giovani

12/13 Dicembre 2014 – Officina Giovani, Prato

Venerdì 12 Dicembre ore 21.30

Sabato 13 Dicembre ore 21.30

Sabato 13 Dicembre ore 17.00-19.00

Segue

Giornata Mondiale della danza 2014 – Martedì 29 Aprile

ore 10.30 – 23.00 Officina Giovani – Cantieri Culturali Ex-Macelli – Piazza dei Macelli 4, Prato

Istituita nel 1982 dall’International Dance Council dell’Unesco, la Giornata Mondiale della Danza celebra l’arte del movimento come un patrimonio non solo artistico ma anche e soprattutto come una risorsa utile allo sviluppo dell’essere umano.
La giornata prevede una serie di workshop gratuiti, rivolti sia a chi conosce il linguaggio della danza che a chi vi si avvicina per la prima volta e vuole saperne di più. E’ questa un’occasione per esplorare discipline, in cui il movimento è proposto come un mezzo per conoscere qualcosa in più di se’.
Durante la giornata verrà condotta anche una lezione aperta coi bambini della scuola elementare A. Cecchi di Paperino, che ha aderito al progetto MUS-e.
La giornata terminerà con MOTION EMERGE NOTIONS lo spettacolo nato durante il Progetto Wassermann, un percorso di ricerca che cinque coreografi provenienti da regioni diverse, hanno intrapreso durante tutto il 2014, guidati dalla coreografa giapponese Noriko Kato.
Il progetto, unico nel suo genere,rappresenta un segno importante per la danza italiana, in cui le connessioni e la collaborazione fra compagnie sono ancora molto rare e difficili.

Segue

EmptyFull – studio sul vuoto

24/03/2012 ore 21.15
Teatro Comunale Vittorio Alfieri
Castenuovo Berardenga (SI)
http://www.teatrovittorioalfieri.com

Coreografia: Sara Nesti
Danza: Olimpia Merciai
Video e Foto: Darragh Hehir
Costumi: rAn-network
Disegno Luci: Sara Nesti

Trenta raggi si uniscono in un mozzo
ma la loro utilità per il carro
è là dove essi non sono.
Quando la ruota del vasaio fabbrica un vaso,
l'utilità del vaso
è precisamente là dove non c'è nulla.
Per costruire una stanza
devi aprire porte e finestre;
senza quei vuoti, essa non sarebbe abitabile.
Dunque l'essere costituisce ciò che è benefico,
il non-essere ciò che è essenziale.

(Lao-Tzu)

EmptyFull è un lavoro sull’assenza come essenza, possibilità e spazio.
Il vuoto percepito nella sua orizzontalità e morbidezza, spazio da riempire di spazio, in cui muoversi inebriati.
La pienezza del vuoto e la forza della non presenza.

BodySongs – 18 e 19 Novembre 2011 – Officina Giovani

OFFICINA GIOVANI, CANTIERI CULTURALI EX-MACELLI, PIAZZA MACELLI 4, PRATO

Direzione artistica: Sara Nesti
Direzione Organizzativa: Andrea Toccafondi
Assistente all’organizzazione: Virginia Gradi
Progetto grafico e website: Darragh Hehir
Settore tecnico: Mauro Forte

Il 18 e 19 Novembre 2011 rAn-network proporrà la terza edizione della Rassegna BodySongs – Corpi che cantano nei locali di Officina Giovani, che, per la loro particolarità, si prestano ad accogliere un evento che ha come obiettivo quello di porre l’accento sulla diversita’ dei registri poetici nell’arte della danza contemporanea.

Quest’anno l’evento avrà una durata due giorni , in cui si alterneranno 4 compagnie, due per ogni serata.
Inoltre la mattina del 18, dalle 10.30 alle 13.30 la coreografa e regista sarda Simonetta Pusceddu, ospite della rassegna con la sua Compagnia Danzalabor, terrà un master class nella sala danza di Officina Giovani. La partecipazione alla master class è gratuita e prevede un massimo di 15 partecipanti. Chi è interessato deve inviare il proprio CV a info@bodysongs.eu entro il 7 Novembre.

Segue

Movement Studies

Napoli 30/31 Maggio
Prato 01/02 Giugno

Quando la danza diviene un percorso universitario

Il progetto si pone a conclusione del ciclo di eventi, organizzati da rAn-network in collaborazione con Officina Giovani ed il Comune di Prato.

L’obiettivo è quella di offrire una panoramica sulla situazione della danza intesa come percorso formativo professionale a livello di corso di studi universitario. In Italia infatti non esistono molte possibilità in merito, ad eccezione dell’Accademia Nazionale di Roma, dove il programma di studi verte principalmente alla formazione del danzatore classico.

La danza ha bisogno di programmi adeguati e di corsi di studio mirati, sia dal punto di vesta teorico che pratico.

Abbiamo a questo proposito rivolto un appello a due istituzioni di eccellenza nel campo della formazione dei danzatori e dei coreografi, la London Contemporary Dance School di Londra e la Hong Kong Academy for Performing Arts.
I due atenei hanno aderito subito al nostro progetto, accettando di farsi portavoce della danza come precorso formativo. Gli allievi dell’ultimo anno ed i loro insegnanti illustreranno il programma del loro corso di studi durante una conferenza e la sera si esibiranno in uno spettacolo con coreografie del loro repertorio.

Il progetto ha ricevuto il patocinio del Comune di Prato e di Napol i ed il sostegno del l’Università degli Studi di Firenze e L’Università degli Studi l’Orientale di Napoli.

Con grande orgoglio presentiamo questo progetto che ha unito moltissime energie a vari livelli.

Segue

Giornata Mondiale della Danza

29 Aprile 2011

Officina Giovani, Cantieri Culturali Ex-Macelli, Prato

Direzione Artistica: Sara Nesti, Compagnia rAn-network
In collaborazione con Officina Giovani

Il 29 Aprile si celebra la Giornata Mondiale della Danza, promossa dall’ International Dance Council dell’Unesco.
E’ una giornata di festa in cui gli opertori della Danza promuovono iniziative volte alla divulgazione di questa disciplina, con la finalità di creare nuovo pubblico e stimolare un dibattito sulla scena della danza.

La data commemora la nascita di uno dei piu’ grandi coreografi mai esistiti, Jean-Georges Noverre (1727-1810).

L’evento, che si svolge a Prato per la prima volta, vuole mettere in evidenza un approccio alla danza come “Arte del Movimento”, ed ampliare la percezione di questa disciplina, che molto spesso viene associata esclusivamente al “Balletto Classico”.

La Giornata prevede una serie di incontri didattici e performativi, non che’ la partecipazione di artisti visivi che presenteranno la loro interpretazione del tema “Movimento”.

Segue

Paradise Box

Paradise Boxspettacolo itinerante
Coreografia e Ragia: Sara Nesti
Danza: Mariagiulia Da Riva, Mario Ghezzi, Olimpia Merciai, Sara Nesti
Scenografia: Sara Nesti
Pianoforte: Thomas Brownlees
Produzione rAn-network

Alla fine della vita, quando il corpo si trova catapultato in un nuovo stato,
le coordinate fisiche si dissolvono.
A poco a poco lo spazio corporeo perde i propri confini ed il moto si realizza nell'immobilità.
Il corpo si dibatte nella paura di lasciare e lasciarsi andare,
naufragando in spazi dove risiedono frammenti di ricordi,
dove si sciolgono traccedi passioni, per approdare in un punto di infinito.

L'accettazione farà della fine un nuovo inizio.
Segue
© 2016 rAn-network